Posted by & filed under .

L’Associazione Il Borgo della Pace è nata nel 2003 per iniziativa di cittadini provenienti dal territorio della Valmarecchia, con l’obiettivo di preservare la memoria dell’eccidio di Fragheto attraverso l’educazione alla pace e alla convivenza tra i popoli. Lavora in stretta collaborazione con l’Unione dei Comuni della Valmarecchia, le scuole, le associazioni e gruppi impegnati nella promozione e difesa dei valori della pace. Il borgo di Fragheto, frazione di Casteldelci, fu vittima della ferocia nazifascista nell’aprile 1944; tale evento costituisce il punto di partenza per coniugare la memoria storica con la costruzione di un progetto di convivenza civile e pacifica. Luogo di riferimento del gruppo è Casa Fragheto, struttura di accoglienza gestita dall’associazione padovana Sine Modo; qui è nata l’idea di fondare l’associazione e hanno preso vita i progetti della Scuola di Pace e del Museo storico di Casteldelci.

L’associazione interviene in più settori, tra i quali:
• formazione per le scuole e la collettività attraverso seminari su mediazione sociale e culturale, gestione dei conflitti, conoscenza dei grandi costruttori di pace, scuola di pace;
• documentazione storica: realizzazione di percorsi della memoria, promozione e distribuzione del quaderno storico-didattico per scuole e insegnanti “Dentro la storia che il luogo ricorda”- Fragheto 7 aprile 1944 e del quaderno storico sulla strage “E come potevamo noi cantare”, progetto “Valigia della Memoria”, sostegno a pubblicazioni, spettacoli, documentari sulla storia di Fragheto, organizzazione di seminari e convegni, partecipazione alla rete “Paesaggi della Memoria”, collaborazione con gli istituti storici;
• iniziative culturali: Giornate della Memoria e del Ricordo, commemorazione del 7 aprile, Camminata per la Pace del 25 aprile, promozione del corto “E come potevamo noi cantare” realizzato da Fa.Ro. Image in Action di Fabio Imola e Roberta Corsi sulla vita del borgo di Fragheto prima della strage, partecipazione alla Marcia della Pace Perugia-Assisi e al Coordinamento per la Pace di Rimini.

Per dare una maggiore completezza ai propri obiettivi Il Borgo della Pace si è fatto inoltre promotore del significativo progetto (in fase di realizzazione) “Per non dimenticare… Fragheto” con cui intende innovare gli allestimenti del museo storico di Casteldelci ubicato nel centro storico del paese. La struttura del fabbricato, edificato o rimaneggiato in epoca rinascimentale, presenta un’articolazione altamente suggestiva, con nicchie, camini e stipetti che si prestano a utilizzi inusuali. L’intenzione è quella di innovare soprattutto la sezione dedicata alla seconda guerra mondiale e ai tragici eventi del 1944 che hanno coinvolto Fragheto e altre frazioni dell’appennino marchigiano-romagnolo. Attraverso un allestimento multimediale e innovativo che stimoli conoscenza e consapevolezza ci si propone di trasformare il museo in uno spazio di memoria viva, maggiormente fruibile a tutti i cittadini, in grado di parlare alle nuove generazioni per “immunizzarli” dalla guerra, da ogni forma di razzismo e violenza.